Pagine

venerdì 24 maggio 2013

La beatificazione di padre Pino Puglisi: tutto è pronto


Tutto è pronto per la beatificazione di Padre Pino Puglisi: la macchina organizzativa messa in moto dall'Arcidiocesi di Palermo è giunta alla fase finale, ovvero le celebrazioni di sabato 25 maggio. Tanti (e grandi) i numeri di questo evento: quasi 1.200 i volontari coinvolti, tra scout, addetti della protezione civile, ministri straordinari della Comunione, addetti alle sagrestie e autorità; 80.000 i fedeli provenienti da tutta Italia, 100 i vescovi, 700 tra sacerdoti e diaconi e oltre 200 personalità del mondo istituzionale.

La celebrazione eucaristica ha inizio alle ore 10.30: a presiederla il Cardinale Paolo Romeo, mentre il rito di beatificazione viene presieduto dal -Cardinale Salvatore De Giorgi, delegato di Papa Francesco. Allo svelamento della foto di padre Puglisi viene cantato il "Te Deum", segue la lettura della lettera apostolica e l'incensazione delle reliquie del sacerdote (un frammento di costola prelevato in occasione dell'estumulazione della salma del cimitero di Sant'Orsola). Il palco è disposto con le spalle rivolte al mare e guarda Porta dei Greci.

Il prato del Foro Italico è suddiviso in settori della capienza di 4.000 persone ciascuno: sarà possibile accedere senza alcun pass, mentre i posti a sedere (circa 1.600) saranno riservati a presbiteri, diaconi, disabili e autorità (tra i presenti, il presidente del Senato Pietro Grasso, il vice primo ministro Angelino Alfano, il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, il giuidice Sergio Mattarella, il capo della Polizia Alessandro Marangoni, il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Godrano Giuseppe Lumia, il ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione Giampiero D'Alia e il sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari). Ai fedeli che intervengono vengono forniti un libretto per partecipare alla liturgia, una rivista, un'immagine del beato e una bottiglietta d'acqua; sono presenti anche operatori medici, pronti a fornire assistenza.

Al termine delle celebrazioni è possibile venerare le spoglie del nuovo beato presso la Cattedrale, a partire dalle ore 14 e fino alle 19. Da domenica 26 maggio gli orari per le visite sono i seguenti: dalle ore 7 alle ore 19 nei giorni feriali e dalle ore 7 alle ore 13 nei giorni festivi; la collocazione presso la Cattedrale, all'interno di un simulacro in marmo a forma di spiga nell'altare laterale dell'Immacolata, è provvisoria, in attesa della costruzione della nuova chiesa nel quartiere di Brancaccio.

L'evento viene trasmesso in diretta su Rai1 e su altre emittenti locali, oltre che in streaming sul sito dell'Arcidiocesi di Palermo e dalla radio diocesana "In blu", mentre nella serata di sabato 25 sempre Su Rai1 va in onda uno speciale su Padre Puglisi da piazza Anita Garibaldi, condotto da Massimo Giletti; nella giornata di domenica 26 anche la trasmissione "A sua immagine" viene dedicata alla beatificazione.

Per questo importante appuntamento ci si prepara da giovedì 23 maggio (primo momento comunitario di adorazione eucaristica in tutte le parrocchie e nelle comunità religiose dell'arcidiocesi) e venerdì 24 maggio, quando, a partire dalle ore 21, si svolge una veglia di preghiera in via Fichidindia (nel quartiere di Brancaccio), sul terreno confiscato alla mafia, dove sorgerà la chiesa “pensata” da don Pino. A seguire, alle ore 22, Massimo Minutella e Salvo La Rosa presentano una serata di spettacolo; tra gli ospiti, i cabarettisti Toti e Totino, il comico Ivan Fiore e il cantante Mario Incudine.

Domenica 26, invece, viene celebrata in Cattedrale alle ore 18 la Messa di ringraziamento per il nuovo beato; sempre in Cattedrale è stata allestita la mostra fotografica “Con te luce del mondo”, per ripercorrere temi e momenti salienti della vita del sacerdote palermitano. Per conoscere tutte le informazioni in merito alle celebrazioni è possibile visitare il sito internet curato dall'arcidiocesi di Palermo.

Nessun commento:

Posta un commento

Google+ Followers